Sondaggio

Login

Calendario eventi

<<  Gennaio 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   
ALTIES GAS: DC, STESSA SORTE ROYALTIES PETROLIO PDF Stampa E-mail
Scritto da Ufficio stampa Dc Basilicata   
Lunedì 23 Maggio 2011 09:47

operai 150x100“Fa piacere constatare di tanto in tanto la “vitalità” della Societa' Energetica Lucana - controllata della Regione Basilicata – a cui è affidato il non facile compito di monitoraggio ed il controllo nella vendita delle royalties gas che proprio come per il petrolio non danno benefici e risultati apprezzabili”. E’ il commento della segreteria regionale DC, per la quale “sapere che entro questo meseAggiungi un appuntamento per questo mese a Calvello verra' approvato il primo Piano di Azione per l'Energia Sostenibile (Paes) della Basilicata realizzato con il supporto della Società energetica, riempie di gioia perché conferma la “grande utilità” di SEL che rappresenta l’ennesimo carrozzone voluto dalla Giunta Regionale. Si pensi, come ci fa sapere il management di SEL, che il Piano di Calvello prevede una serie di interventi mirati a ridurre le emissioni di CO2 al 2020 del 169 % (circa 13mila t), rispetto a quelle attuali, ben oltre gli obiettivi europei del 20% di riduzione. Un obiettivo che non vogliamo sottovalutare ma che non dice nulla rispetto a quelli che  riguardano il territorio macrofornitore di gas (Val d’Agri) e più in generale la comunità regionale per i prossimi due-tre anni. E finalmente è possibile conoscere l’ammontare delle royalties derivanti dalla vendita del gas estratto nelle concessioni della Val D’Agri che al solo anno 2009 ammontano a 39,31 milioni di metri cubi di gas, ed hanno fatto incassare alla Regione Basilicata un corrispettivo pari a 10.383.706 euro,versato per il 54% da Eni e per la restante parte dalla Shell. Come per le royalties derivanti dal petrolio – sottolinea la DC – quelle derivanti dal gas seguono la stessa strada della polverizzazione e dell’utilizzo senza finalizzarlo a sviluppo e nuova occupazione. Persino la promessa riduzione della bolletta domestica di consumo del gas si è ridotta nel 2010 ad un risparmio di poche decine di euro a famiglia con il risultato che per i cittadini lucani se il prezzo del carburante alla pompa (sempre in attesa della “card benzina”) è tra i più alti d’Italia anche il gas che arriva a casa ha costi che le associazioni dei consumatori considerano decisamente alti al punto da presentare istanze nei confronti delle società concessionarie”.

Ultimo aggiornamento Lunedì 23 Maggio 2011 10:05
 

Foto eventi

Commemorazi...
Image Detail Image Download

Meteo