Sondaggio

Login

Calendario eventi

<<  Maggio 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  
Dc: "Al palio lucano della sanità" PDF Stampa E-mail
Scritto da Giuseppe POTENZA - Seg. regionale Dc Basilicata   
Sabato 04 Giugno 2011 12:21

Gentile direttore,
la sua rubrica di oggi “Al palio lucano della sanità” sollecita qualche considerazione politica. La prima: l’auspicio è che il Presidente De Filippo di ritorno dal Forum Mediterraneo in Sanità a Palermo non si sia lasciato convincere dall'assessore alla Sanita' della Regione siciliana, Massimo Russo che, come riferiscono le cronache giornalistiche, ha detto senza mezzi termini: “i manager voglio sceglierli io, voglio mettere i miei uomini, uomini che poi saranno misurati sulla base di quello che hanno fatto, che saranno giudicati in base ai risultati ottenuti”.
La seconda: oltre all’impegno a Palermo, De Filippo è stato a Policoro ad inaugurare il nuovo Pronto Soccorso e a Villa d’Agri a presentare con l’Assessore Martorano il “Piano integrato della salute”. La nostra impressione è che non ci sia ancora una visione di insieme sulle cose da fare per migliorare il sistema sanitario regionale specie per superare i tanti disagi per i cittadini e i ceti sociali più deboli, ma si proceda per comparti e territori, in ordine sparso, sempre nella logica di non scontentare nessuno, comprese le lobby sanitarie e professionali. 
Noi siamo dell’avviso che in attesa che la Procura di Matera prosegua l’attività di indagine sulla nomina del dottor Vito Gaudiano a direttore generale dell’ASM Matera e quindi che si accertino eventuali responsabilità dei tre indagati, e che gli stessi coinvolti abbiano modo di difendersi, istituzione regionale e politica non possono far finta di niente.
La vicenda della nomina infatti richiede qualche chiarimento sul piano procedurale, di legalità se non altro riferita alla corretta applicazione di normative e su quello politico perché non ci sono solo aspetti che possano riguardare esclusivamente la magistratura. Tanto più che l’opinione pubblica lucana coinvolta emotivamente da frequenti e recenti casi di malasanità, in verità sommati a tanti casi di buona sanità che restano oscuri, chiede di capire cosa sia realmente accaduto.
Per noi la vicenda è la chiara testimonianza che la politica ha da sempre invaso la sanità e quindi che nomine delicate ed importanti per il funzionamento di servizi essenziali come la cura e la prevenzione della salute del cittadino rispondono solo a logiche di parte.
In discussione non sono né le singole persone e tanto meno le professionalità quanto il metodo che costringe a fare “pasticci” specie in situazione di scelta affrettata.
In vista della nuova operazione di nomine che attende la Giunta Regionale sempre nella sanità a noi non resta che rilanciare la proposta di prevedere che le domande degli Avvisi Pubblici siano esaminate da una commissione tutta esterna ai palazzi della politica e composta da competenze e professionalità extraregionali. Sarebbe un primo segnale che la politica, se vuole, può fare un passo indietro.  
Giuseppe Potenza, segretario regionale DC

 

Foto eventi

Commemorazi...
Image Detail Image Download

Meteo