Sondaggio

Login

Calendario eventi

<<  Agosto 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
     1  2  3  4
  5  6  7  8  91011
12131415161718
19202122232425
262728293031 
TICKET SANITA’: DC, OLTRE 130 EURO PER UN SEMPLICE DOLORE GASTRICO PDF Stampa E-mail
Scritto da Ufficio stampa Dc Basilicata   
Giovedì 29 Settembre 2011 17:46

“La rimodulazione dei ticket sanitari introdotti dalla Giunta Regionale non tutela il diritto alla salute e se il provvedimento non sarà semplificato, attraverso il ricorso all’autocertificazione della situazione patrimoniale della famiglia dell’assistito per usufruire della fascia di esenzione o di quella di riduzione del ticket, rischia di produrre una nuova ed ingarbugliata situazione burocratica ai danni dei medici di famiglia e dei farmacisti trasformati in funzionari dell’Agenzia delle Entrate”. A sostenerlo è il segretario regionale della DC-Libertas Giuseppe Potenza.
“Ci preoccupa in particolare l’indicazione che proviene dal Movimento Consumatori secondo cui – riferisce - una persona che si reca al pronto soccorso e dichiara di avere un dolore a livello gastrico, se sottoposto a visita cardiologica, elettrocardiogramma, consulto chirurgico ed ecografia, senza che si evidenzi nulla di serio, può pagare oltre 130 euro. In dettaglio il calcolo della spesa con i nuovi ticket in vigore dal primo ottobre:  30 euro servono per il cardiologo e l'elettrocardiogramma e i 10 euro di ticket nazionale;  19 euro per la visita chirurgica più altri 10 di ticket;  36,15 euro per l'ecografia; e se classificato come codice bianco, si pagano ulteriori 25 euro. Una situazione che – sottolinea il segretario della DC – avrà un peso economico non indifferente al punto da scoraggiare molti cittadini a rivolgersi all’ospedale e comunque a sottoporsi a diagnosi e visite di prevenzione. Dunque, nella giornata dedicata alle malattie cardiovascolari sempre più diffuse anche da noi, la stangata dei ticket vanifica l’impegno di associazioni di volontariato e medici che insistono nella campagna di prevenzione e favorirà le strutture private alle quali sarà più conveniente rivolgersi. E come sottolineano le associazioni di difesa dei consumatori-utenti del servizio sanitario nazionale mentre è aumentata la pressione economica in modo insopportabile su coloro che vivono la condizione di 'malati', nessun intervento invece è stato adottato per arginare gli sprechi, come consulenze esterne e soprattutto i pesanti deficit accumulati dalle Aziende Sanitarie di Potenza e Matera e dal San Carlo”.

 

Foto eventi

On. Colombo
Image Detail Image Download

Meteo