Sondaggio

Login

Calendario eventi

<<  Gennaio 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   
Emergenza neve:Dc, segnalazioni di disagio non possono essere bollate per "POLEMICA" PDF Stampa E-mail
Scritto da Ufficio Stampa Dc Basilicata   
Giovedì 09 Febbraio 2012 20:34

EMERGENZA NEVE : DC, SEGNALAZIONI DI DISAGI NON POSSONO ESSERE BOLLATE PER “POLEMICA”

“Bollare per “polemiche” le continue segnalazioni di disagi e sofferenze causate dalla neve come le richieste di aiuto dei sindaci che si ritrovano ad essere autorità di protezione civile senza soldi e senza mezzi , da una parte, è il più comodo alibi per nascondere le proprie responsabilità e, dall’altra, la testimonianza di un’incapacità a dare risposte anche, in alcuni casi, le più semplici”. Lo afferma il segretario regionale della DC-Libertas Giuseppe Potenza aggiungendo che “dispiace che in proposito il responsabile della redazione del Tg3 Basilicata si sia pubblicamente “scusato” perché da giorni i notiziari del servizio pubblico, opportunamente, hanno dato ampio spazio proprio alle segnalazioni dell’emergenza, come se poi fosse necessario giustificarsi perché si ricevono le telefonate e le mail dei cittadini che hanno fatto sentire la propria voce non in sintonia con il “tutto sotto controllo” degli amministratori regionali”.

“In questi giorni di emergenza, invece, bisogna prendere atto – sostiene – che nella nostra regione manca una vera e propria struttura di Protezione Civile, senza possibilità di attenuanti in un territorio che, solo perché da qualche anno non è caduta la neve, ha dimenticato di essere esposto ad eventi nevosi come ad altre calamità naturali. Sarebbe sufficiente un pizzico di autocritica perché la gente lucana che – aggiunge Potenza – continua a dar prova di eroico comportamento sopportando, senza grandi clamori, ogni disagio, apprezzerebbe sicuramente la classe dirigente regionale. Non serve il continuo richiamo ad una legge nazionale, che introduce quella che è stata definita la “tassa sulle disgrazie”, per sentirsi con la coscienza tranquilla, magari perché un gruppo di funzionari e dipendenti regionali 24 ore su 24 presidia una centrale, poco operativa. E se le scarse risorse a disposizione sono una verità inconfutabile altrettanto non si può dire di quanto è stato fatto in 4-5 giorni da parte non solo dell’Ufficio di Protezione Civile regionale ma anche dai singoli Assessori e Dipartimenti ciascuna propria competenza e per la propria responsabilità, evidentemente anch’essi colti di sorpresa. Sarebbe il caso che qualcuno in Consiglio Regionale – dice Potenza – oltre a dichiarare, protestare e presentare interrogazioni, chiedesse conto di come sono stati coordinati gli interventi, di quali rapporti intercorrono con le Province, i Comuni, le società e le aziende pubbliche e private che gestiscono servizi primari per i cittadini, cosa è stato fatto per ridurre gli effetti dell’emergenza”.

Ultimo aggiornamento Venerdì 10 Febbraio 2012 16:00
 

Foto eventi

Commemorazi...
Image Detail Image Download

Meteo