Sondaggio

Login

Calendario eventi

<<  Dicembre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      
SINGETTA FUORI DALL'API, OCCASIONE PER RIDURRE ASSESSORI E COSTI PDF Stampa E-mail
Scritto da Ufficio stampa Dc Basilicata   
Domenica 07 Ottobre 2012 19:34
E adesso che Alessandro Singetta ha lasciato l’Api o, come preferisce spiegare lui, l’Api ha lasciato la sua “mission” e pertanto si sente libero da vincoli politici, che ci fa nella giunta regionale un assessore senza alcun rappresentante di partito in Consiglio? Non credo sia una domanda inutile tanto più che l’assessore in questione, Mazzocco, è esterna ed ha un costo aggiuntivo per il bilancio della Regione che ammonta, come pubblicato oggi dai giornali, solo come rendiconto di spesa individuale a 32 mila 500 euro l’anno (di cui 4.600 euro di ristorante, vale a dire una trentina di rette per famiglie con bimbi all’asilo nido) , a cui aggiungere il proprio emolumento. La domanda sollecita due risposte: una politica, tutta interna alle dinamiche del Pd e del centrosinistra che evidentemente intende conservare all’Api, il partito che i sondaggisti indicano in una “forchetta” tra 0,3-0,4% dei consensi, l’unico assessore regionale d’Italia per ricompensare la scelta di campo di Rutelli; una civile, in quanto dopo l’operazione trasparenza sui costi dei politici regionali si potrebbe cogliere l’occasione per ridurre il numero degli assessori da sei a quattro, rinunciando anche ad un altro assessore esterno. Accorpare deleghe assessorili sarebbe un gioco da ragazzi, basterebbe mettere insieme settori d’attività che hanno programmi comuni (specie di spesa comunitaria) come agricoltura-ambiente e attività produttive-formazione e lavoro. Il vantaggio oltre al risparmio reale, esteso a due direttori generali in meno (almeno 300 mila euro l’anno) e agli apparati di segreteria assessorile (tra comandati ed assegnati almeno 500 mila euro l’anno), si tradurrebbe anche in benefici di governo perché ad esempio gli interventi di compensazione ambientale e di forestazione hanno stretta attinenza con il territorio rurale e quindi l’agricoltura proprio come la formazione dei lavoratori e i progetti industriali.

E’ tempo, come sollecita il Presidente della Repubblica, da buon padre di famiglia, con lo stesso tono accorato di tanti vescovi italiani che conoscono la sofferenza delle famiglie, di passare dai buoni propositi a piccoli-grandi fatti.

 

 

Foto eventi

Commemorazi...
Image Detail Image Download

Meteo